(Intervista a cura di Irma Ciccarelli; Foto di Fabrizio Fenucci)

Ho visto un sognoè il brano che anticipa il terzo album, ed il primo in versione anche vinile, scritto dalla stessa Silvia Nair insieme a Michael La Grouw, caratterizzato per un sound energetico arricchito da un arrangiamento rock sinfonico in cui spicca la potente vocalità dell’artista (4 ottave di estensione).

Un brano che descrive, con parole, suoni e immagini ben determinate, l’importanza del sogno in quanto ideale da perseguire.“Quando sogni sei vivo, non esisti e basta”. 

In occasione dell’uscita di “Ho visto un sogno” abbiamo intervistato Silvia Nair per i lettori de Il Terzo Lato Del Vinile ed ecco un piccolo accenno su un tema molto importante: la figura della donna nel mondo della musica.

“Uno stato d’animo ha cambiato il mio percorso: sentivo che la mia vita, la quotidianità non era quella…Stavo facendo qualcosa che non mi apparteneva: c’era un buco dentro di me che diventava una voragine, non ero contenta, ero frustrata perché indossavo una pelle che non mi apparteneva… In Italia, non è scontato per una donna essere vista come compositore, ma come interprete. Molte cantautrici sono rilegate agli intenditori”

Non solo, vi invitiamo a dare uno sguardo ai nostri canali Instagram, Facebook e Youtube per il rergalo che Silvia Nair ha pensato per i nostri lettori!

Silvia Nair: biografia 

Silvia Nair è una cantante (quattro ottave di estensione), performer, musicista (pianoforte), autrice e compositrice di canzoni e di colonne sonore per cinema e documentari, molto apprezzata anche all’estero. Laureata in Giurisprudenza, dopo aver intrapreso la carriera notarile, decide di abbandonarla per dedicarsi interamente alla musica.

Nel corso della sua carriera ha pubblicato due album. Il primo “Sunrise” uscito nel 2005 in Giappone e successivamente in Italia, GAS, Benelux e altri paesi asiatici (Korea, Taiwan, Hong Kong) dove ha scalato le classifiche di vendita. In Italia ad essere apprezzato è stato in particolar modo il singolo “Shine on now” che è diventato in poco tempo una hit e per tre anni ha accompagnato le immagini di un noto spot televisivo. Il secondo album “Ithaca” è uscito nel 2011 in Italia e Benelux, seguito da un suggestivo tour voce-piano.  Nello stesso anno si aggiudica il Premio Lunezia e il Premio Montecarlo come “Rivelazione Artistica Internazionale”.

Silvia Nair è conosciuta anche per le numerose performance artistiche in Italia ed Europa con le maggiori orchestre sinfoniche dirette da maestri quali Salvatore Accardo, Karl Martin, Hubert Stuppner, Marco Boni ed altri. Varie anche le apparizioni tv in programmi Rai e Mediaset. Vanta prestigiose collaborazioni con artisti quali Franco Battiato (opening act tour 2004), Lucio Dalla (duetto Valle dei Templi di Agrigento), Ron (Musicultura Festival Macerata), Claudio Baglioni (O’Scià Lampedusa), Andrea Bocelli (Montecitorio, evento benefico). Si è esibita in Brasile per il popolo e l’ex Presidente Lula, in Giordania per istituzioni benefiche e la famiglia reale, più volte in Vaticano per Papa Giovanni Paolo II e Papa Benedetto XVI.

Per il cinema ha scritto e interpretato numerose colonne sonore e recentemente ha pubblicato il brano “Freedom”, title track della colonna sonora de “El numero Nueve – Gabriel Batistuta” docufilm che celebra la vita e la carriera del campione argentino Gabriel Batistuta (anteprima alla Festa del Cinema di Roma), e composto le musiche del docufilm “Il Triangolo delle morte – I mostri di Firenze” (regia di Andrea Vogt) che verrà presentato prossimamente su “Atlantide” in onda su La7.