(Foto di Irma Ciccarelli)

Tra i settori colpiti dall’emergenza coronavirus c’è anche quello del settore musicale, e artistico in generale. Si può parlare di una vera e propria crisi della filiera musicale, basti pensare all’annullamento dei live, alla posticipazione delle uscite dei dischi, per esempio.

Ma, andando ancora di più nello specifico, la situazione stagnante di tutti gli addetti ai lavori, dagli artisti stessi (numerosi gli appelli da parte loro come quelli di Tiziano Ferro e Fiorella Mannoia) fino al giornalismo musicale.

La situazione necessita dell’intervento dello Stato ed ecco che le principali associazioni che rappresentano l’intera filiera imprenditoriale della musica, dal live alle case discografiche, e gli editori musicali, hanno trasmesso al Presidente del Consiglio Conte e ai Ministri dei beni Culturali e dell’Economia, Franceschini e Gualtieri, una serie di interventi evidenziando lo stato di crisi dell’intero comparto e la necessità di misure urgenti.

Le associazioni firmatarie sono: AFI, Anem, Assomusica, FEM, FIMI e PMI.

Coronavirus e Musica: il decreto del 4 marzo 2020

Con il decreto del 4 marzo 2020 il Governo ha sospeso le manifestazioni, gli eventi e gli spettacoli di qualsiasi natura con una successiva chiusura a livello nazionale di tutte le attività commerciali, inclusi anche gli esercizi attivi nel commercio di musica registrata.

Quali sono state le conseguenze di questa chiusura? Secondo le stime di Assomusica, a fine stagione estiva, ammonteranno a circa 350 milioni di euro le perdite per il solo settore del live. Non solo, perché vanno aggiunte le perdite legate all’indotto, che l’Associazione stima in circa 600 milioni di euro.

Passiamo a livello di economia del lavoro: solo per gli eventi di musica popolare contemporanea lavorano circa 60 mila persone che, ovviamente, hanno bisogno di supporto.

Anche il diritto d’autore e connessi ha avuto i suoi danni relativi al mancato versamento a causa alle mancate attività live e chiusura degli esercizi. Il potenziale danno, per gli autori e per gli editori musicali, è stimato da Siae in termini di mancati incassi per diritto d’autore, è pari a circa 200 milioni di euro.

Le vendite di prodotto fisico (CD e vinili) sono crollate di oltre il 70% tra marzo e aprile (dati FIMI) e anche il digitale, a causa della contrazione di novità in uscita (per l’impossibilità di presentare novità e per la chiusura delle sale di registrazione).

Coronavirus e Musica: le dieci proposte per salvare la filiera

Le associazioni firmatarie sono: AFI, Anem, Assomusica, FEM, FIMI e PMI hanno presentato al Presidente del Consiglio Conte e ai Ministri dei beni Culturali queste dieci proposte:

N.1

Aumento del fondo emergenze (Art. 89 DL Cura Italia) a 200 milioni ed elaborazione di criteri oggettivi per la ripartizione del Fondo Emergenze di cui all’art. 89 per i settori culturali colpiti dalla pandemia; le risorse dovrebbero essere allocate prendendo come parametro di riferimento le percentuali effettive di calo di fatturato, in maniera misurabile e certa, con una quota di riparto preferenziale per quei soggetti e quelle imprese che non usufruiscono di contributi pubblici e che quindi non godono di una rete di protezione.

In questa fase di azzeramento dei consumi, è essenziale e imprescindibile difendere i soggetti più vulnerabili e meno protetti dalle pubbliche istituzioni. È altresì imprescindibile non fare differenziazioni di genere, garantendo quindi il sostegno a tutti i settori dell’industria musicale, dal live, alle imprese fonografiche e all’editoria musicale.

N.2

Un contributo a fondo perduto per i mesi perduti a causa del lockdown alle imprese musicali.

N.3

Sospensione di t asse e contributi per le industrie del settore musica per l’esercizio 2020, posticipando le contribuzioni con un meccanismo di rateizzazione pluriennale. Ricordando che la discriminante del calo di fatturato nel periodo di emergenza non è un metro sufficiente di valutazione tenendo conto che molte fatture non vengono saldate per mancanza di liquidità e che alcuni comparti del settore musica, come il diritto d’autore e i diritti connessi, subiranno un impatto negativo ancora superiore a quello attuale nei prossimi due anni.

N.4

Estensione della durata dei voucher da 12 a minimo 18 mesi per i concerti annullati (art. 88 DL Cura Italia).

N.5

Creazione di un bonus cultura per le famiglie (estendendo l’attuale bonus per i diciottenni). L’estensione del tax credit per le produzioni musicali, oggi previsto solo per l’opera prima, seconda e terza a tutte le produzioni, così come avviene nel cinema.

N.6

IVA al 4% per la musica e lo spettacolo, così come avviene per i libri. La discriminazione sull’imposta è storicamente incomprensibile e lo è tutt’ora in questa fase di crisi sistemica nella quale è necessario al più preso rilanciare i consumi.

N.7

L’annunciato reddito di emergenza deve coinvolgere anche figure anomale, contratti a chiamata e precari vari, del settore dello spettacolo ad oggi non ricompresi nell’articolo 38 relativo all’indennità ai lavoratori dello spettacolo, articolo che ha introdotto troppe variabili che esclude moltissimi lavoratori.

N.8

Revisione delle pendenze erariali per gli organizzatori di spettacoli dal vivo per appianare tutte le asimmetrie nell’applicazione dell’IVA sugli spettacoli dal vivo. In particolare:

  • occorre precisare che l’IVA sulle prestazioni di spettacolo deve essere un’IVA agevolata al 10% anche sulle operazioni funzionali e che sono connesse alla realizzazione dello spettacolo e alla connotazione artistica del medesimo (e cioè l’IVA deve essere agevolata anche per il service fonico e di luci che sono ormai imprescindibili e necessarie, come anche per i numerosi facchini che devono essere parte delle troupes);
  • in deroga all’attuale sistema, per settore della musica popolare contemporanea e dei promoter in particolare chiediamo una compensazione dell’IVA rapida e immediata: la categoria deve già lavorare con contratti che i piccoli comuni onorano con 18 mesi di ritardo; almeno il rimborso IVA deve essere in questo 2020 rapido e tempestivo, entro 30/45 giorni. Ovvero articolare un sistema di compensazione funzionale ed efficiente per questa fase di crisi dovuta al Co-vid-19;
  • superamento del regime di Split Payment: in questo momento di contrazione totale dei consumi diventa necessario il superamento di questo regime che ha azzerato la liquidità delle aziende, specie quelle che lavorano con la pubblica amministrazione

N.9

Apertura di un tavolo tecnico di confronto con il Comitato tecnico-scientifico e la Task Force presieduta dal Dott. Colao con la presenza di una rappresentanza delle Associazioni in grado di fornire indicazioni sugli strumenti di controllo e prevenzione da adottare in futuro alla ripresa delle attività live. In questa sede dovranno anche essere studiati sistemi per la formazione del personale di sicurezza sull’utilizzo delle strumentazioni come termo scanner per la ripresa dell’attività dei concerti live.

N.10

Certezza sui tempi per la ripresa delle attività ai fini di una efficace programmazione dei lavori. Insieme a queste misure non possiamo dimenticare l’importanza di una corretta approvazione della direttiva Europea sul copyright, strumento che se già in passato era considerato essenziale per proteggere i diritti degli artisti, degli autori e delle imprese, oggi diventa di straordinaria urgenza.

Irma Ciccarelli