Pier Ferrantini e Carolina Di Domenico conduttori del programma Rock And Roll Circus su Radio2 sono intervenuti alla conferenza di presentazione di Rock In Roma 2018, gli altri interventi sono stati quelli di Luca Bergamo, Vicesindaco con Delega alla Crescita Culturale, Daniele Frongia, Assessore allo Sport, politiche giovanili e Grandi Eventi Cittadini di Roma, e Maxmiliano Bucci e Sergio Giuliani, fondatori di Rock in Roma.

La voce dei Velvet racconta in questa intervista il percorso radiofonico che lo ha portato sin qui, il ruolo di Rock And Roll Circus all’interno della manifestazione, e alcune curiosità musicali.

L’intervista è realizzata in collaborazione con Pierfrancesco “Poffi” Bazzoffi, bassista dei Velvet che per Il Terzo Lato Del Vinile ha già intervistato Fil Bo Riva e scritto la recensione degli MGMT e una bellissima storia sul terzo lato di Dovevo Dirti Molte Cose, meraviglioso brano che i Velvet portarono a Sanremo nel 2005.

 

Rock in Roma_Logo

 

01 Davide: Tu e Carolina avete mai intrapreso una carriera radiofonica molti anni fa, ti aspettavi di intervenire alla conferenza di Rock in Roma 2018?
Pier: Certamente. Mi aspetterei di essere invitati a quella di Glastonbury in un prossimo futuro! Scherzo, ma in effetti quando si inizia a fare una cosa direi che è bene mirare sempre in alto.

02 Davide: Com’è strutturata la vostra collaborazione con Rock in Roma?
Pier: Saremo presenti nei giorni dei concerti e in alcuni casi li trasmetteremo in diretta come nel caso del primo concerto della rassegna, quello dei Killers il 20 Giugno. Cercheremo di realizzare delle interviste con gli artisti e in generale di raccontare quello che succede, anche nelle puntate normali di Rock And Roll Circus. Durante le settimane precedenti al festival ovviamente abbiamo ricordato i vari appuntamenti, ma quella è una cosa che facciamo in generale come servizio per chi ci ascolta, lo facciamo anche per altri festival.

03 Poffi: Quali concerti di rock in Roma sei più curioso di vedere e perché?
Pier: I Killers di sicuro anche perché siamo legati a loro da un affetto particolare visto che fu il primo concerto per il quale Radio2 ci mandò in trasferta qualche anno fa durante l’A Perfect Day Festival di Villafranca di Verona. Poi indubbiamente Roger Waters al Circo Massimo il 14 Luglio e i Chemical Brothers ma sono anche felice di assistere alla consacrazione definitiva di Coez e Carl Brave X Franco 126 che si meritano assolutamente tutto il successo che stanno avendo. Al concerto di Sfera Ebbasta faremo felice nostro figlio, dai. Ah, mi interessa moltissimo anche il concerto di Post Malone!

04 Davide: Tu e Carolina come vi siete evoluti nel collaborare insieme mettendo insieme i vostri due percorsi musicali?
Pier: Non ce ne siamo nemmeno resi conto in realtà. In generale i ruoli sono abbastanza definiti, io mi occupo della scelta dei temi e delle canzoni (in larga parte) e lei invece si occupa di fare in modo che io non inizi a rompere le palle a tutti parlando di cose da nerd. Poi, più seriamente, credo che venga fuori molto decisamente il fatto che prendiamo seriamente il nostro lavoro ma non noi stessi. Cerchiamo di far appassionare più gente possibile alla bella musica, sembra una cosa semplice ma ultimamente non è che ne giri molta in radio.

 

Pier Ferrantini Carolina Di Domenico Rock in Roma

 

05 Davide: Essendo un musicista e avendo visto e vissuto diversi momenti di divulgazione musicale, come vedi questo momento e cosa prevedi per il futuro?
Pier: Ma guarda, da una parte a volte mi viene il pensiero che se i Velvet fossero usciti oggi suonerebbero allo Stadio Olimpico. A pensare che dicevano di noi che fossimo troppo pop mi viene da ridere visto quel che gira oggi noi eravamo i Kraftwerk ahahaha… In ogni caso, in realtà, sono davvero molto felice di quello che sta avvenendo ma attenzione non è nulla di diverso da quello che avviene ciclicamente attraverso i vari decenni: c’è sempre una scena che invecchia e una che ne prende il posto. Solo che questa volta grazie ai social network e a Spotify la cosa è diventata fragorosa. Però mi piace molto cercare di entrare in un linguaggio che è completamente nuovo e, sicuramente nemmeno rivolto a me. Faccio un esempio: nel nuovo singolo di Carl Brave partecipa anche Fabri Fibra, che ovviamente rispetto molto, ma quando entra nel brano sembra che sia entrato il nonno di Carl Brave. Altro linguaggio, altro stile, più o meno bello non sta a me dirlo.

06 Poffi: Hai assistito a molti festival europei. Secondo te l’Italia sarebbe in grado di organizzare un festival come gli altri?
Pier Evidentemente no, visto che non ci riusciamo! Non credo che il problema siano gli organizzatori però, in Italia ce ne sono di bravissimi e parlandoci mi sembra di aver intuito che qualsiasi esperimento di cartellone allargato non abbia alcun impatto sul pubblico italiano. Ti faccio un esempio: prima dei Foo Fighters a Firenze Rocks suonavano, tra gli altri i Wolf Alice e The Kills, due band eccezionali di cui nessuno , ma letteralmente nessuno ha parlato ne prima ne tantomeno dopo l’evento. Quindi i promoter forse fanno bene a puntare solo su tanti concerti singoli. A me sembra assurdo ma non vedo soluzioni al momento.

07 Davide: Dato che siamo sul Terzo Lato Del Vinile, che rapporto hai sul vinile e qual è il disco che ti ha cambiato la vita?
Pier: Ti dico solo che ho iniziato ad imparare l’inglese da ragazzino leggendo i testi nei vinili che avevo. In particolare mi ricordo The Joshua Tree e i Guns N Roses. Adesso ne sto recuperando molti, amo molto quel formato e credo rimarrà a breve l’unico formato fisico perché per il cd prevedo vita brevissima, purtroppo.

08 Davide: So che sei un grande fan degli U2. Una breve recensione di Songs Of Experience (la nostra completa qui).
Pier: Un disco molto bello. Si sente che lo hanno scritto in 500, è perfetto stilisticamente ma un po’ troppo lavorato. Troppi produttori, troppi autori. E’ tutto perfetto, anche troppo. Detto questo, gli voglio così bene che comunque alla fine mi piace sempre tutto.

09 Davide: La miglior canzone dei Velvet?
Pier: La mia canzone preferita è e rimarrà sempre Funzioni Primarie.
Poffi: Per un motivo  Funzioni Primarie, per un altro In Quest’angolo Di Blu.