Spying Through a Keyhole (Demos and Unreleased Songs) è il nuovo cofanetto in memoria di David Bowie a festeggiare i 50 anni dall’uscita della prima hit, Space Oddity. La mitica Parlophone per l’occasione racchiude in questo cofanetto i quattro singoli in sette pollici, con l’aggiunta di nove registrazioni inedite del periodo.

Il titolo “Spying Through a Keyhole” deriva dall’inedita Love All Around. Da sottolineare il fatto che queste versioni non sono mai state pubblicate in formato fisico, ma solamente in streaming per un periodo limitato.

Il cofanetto è dettagliato in ogni suo particolare: la fotografia in copertina è disponibile anche come stampa all’interno del cofanetto e fu scattata da Ray Stevenson nell’appartamento ti Tony Visconti nell’estate del 1968, le etichette dei singoli sono stampate alla maniera in cui Bowie inviata i demo alle case discografiche, ovvero con titoli scritti a mano. I singoli incisi sono tutti mono e suonano a 45 rpm.

 

David Bowie

Di seguito la tracklisting del cofanetto:

Single 1
Side 1
Mother Grey (demo)
Questo racconto mid-tempo di un uccellino che fugge dal nido, contiene la voce registrata su più tracce, con chitarre e armonica suonati da David.

Side 2
In The Heat Of The Morning (demo)
Una tra le prime canzoni di Bowie ben conosciuta, ma presentata qui in forma di demo con il testo definitivo.

Single 2
Side 1
Goodbye 3d (Threepenny) Joe (demo)
Un affascinante demo del 1968 che non deve essere confuso con Threepenny Pierrot, una canzone eseguita da Bowie tramandata ai posteri grazie alla produzione televisiva scozzese di Pierrot In Turquoise all’inizio del 1970.

Side 2
Love All Around (demo)
Una deliziosa canzone d’amore da cui è stato estrapolato il titolo di questa raccolta: “I see a pop tune spying through a keyhole from the other room”.

Single 3
Side 1
London Bye, Ta-Ta (demo)
Una prima versione della canzone con alcuni versi completamente diversi rispetto a quelli suonati più tardi con la band al completo.

Side 2
Angel Angel Grubby Face (demo version 1)
La prima ed unica demo già edita.

Single 4
Side 1
1.Angel Angel Grubby Face (demo version 2)
Una versione successiva della stessa canzone con versi alternativi.

2. Space Oddity (demo excerpt)
Le variazioni dei testi ed arrangiamenti danno peso alla teoria che questo frammento è probabilmente la prima demo mai registrata di una delle più famose canzoni di Bowie.

Side 2
Space Oddity (demo) con John ‘Hutch’ Hutchinson
Concepita originariamente come canzone da eseguire in duo, questa è la prima versione conosciuta che vede nuovamente la collaborazione di John ‘Hutch’ Hutchinson con variazioni di testi ed arrangiamenti.

Data la natura di alcune delle solo home demo dove Bowie si accompagna con la chitarra acustica, la qualità di registrazione non è sempre in alta fedeltà come quella in studio. Questo è dovuto in modo particolare al modo entusiasta di strimpellare la chitarra in un paio di canzoni, insieme ai limiti imposti dall’attrezzatura utilizzata per la registrazione originale e la degradazione del nastro. Ad ogni modo, l’importanza storica di queste canzoni e il fatto che siano state selezionate in un archivio di tracce approvate da Bowie, prevale su questi difetti.